Diu hè ...

372 hè Dieu Se pudessi fà una dumanda à Diu; qualessa seria? Forse un "grande": secondu u vostru destinu? Perchè a ghjente deve soffre? O un "pocu" chì hè sempre urgente: Chì hè accadutu à u mo cane chì hè scappatu da mè quandu avia dece anni? È se avessi spusatu a mo amica di zitillina? Perchè Diu hà fattu u celu turchinu? O forse avete solu vulsutu dumandallu: "Quale sì?" o "Chì site?" o "Chì vulete?" A risposta à quessa risponderà probabilmente à a maiò parte di l'altre dumande. Quale è ciò chì Diu hè è ciò chì vole sò dumande fundamentali nantu à u so esse, a so natura. Tuttu u restu hè determinatu da ellu: perchè l'universu hè cusì; quale simu cum'è umani; perchè a nostra vita hè a manera ch'ella hè è cumu a duveriamu furmà. Enigma originale chì tutti anu probabilmente pensatu. Pudemu avè una risposta à questu, almenu in parte. Pudemu cumincià à capisce a natura di Diu. In realtà, per incredibile chì pare, pudemu participà à a natura divina. Da chì? Attraversu l'autorevelazione di Diu.

Pensatori di tutti i tempi anu fattu e più varie immagini di Diu. Ma Diu si rivela per mezu di a so creazione, per mezu di a so parolla è per mezu di u so Figliolu Ghjesù Cristu. Ci mostra quale hè, chì hè, chì face, ancu, in una certa misura, perchè u face. Ci dice ancu chì rapportu duvemu avè cun ellu è chì forma piglià sta relazione à a fine. Un prerequisitu di basa per ogni cunniscenza di Diu hè un spiritu ricettivu, umile. Duvemu rispettà a parolla di Diu. Allora Diu si rivela à noi (Isaia 66: 2) è ampareremu à amà à Diu è i so modi. "Quellu chì mi ama", dice Ghjesù, "hà da tene a mo parolla; è u mo babbu u tenerà caru, è veneremu ad ellu è staremu cun ellu". (Ghjuvanni 14:23). Diu vole piglià a residenza cun noi. Quand'ellu face quessa, avemu risposte sempre più chjare à e nostre dumande.

1. In cerca di l'Eternu

L'omi anu sempre luttatu per mette in luce e so origini, u so esse è u so scopu in a vita. Sta lotta di solitu u cunduce à a quistione di s'ellu ci hè un diu è chì essenza hè a so. Facendu cusì, l'omu hè ghjuntu à e maghjine è l'idee più diverse.

Percorsi sinuosi di ritornu à Eden

U desideriu umanu anticu per una interpretazione di l'essere si riflette in i diversi edifici di idee religiose chì esistenu. Da parechje direzzioni diverse si circava à avvicinassi à l'urigine di l'esistenza umana è cusì a presunta guida di a vita umana. Sfurtunatamente, l'incapacità di l'omu di capisce pienamente a realità spirituale hà purtatu solu à cuntruversie è à altre dumande:

  • I Panteisti vedenu à Diu cum'è tutte e forze è e lege chì sò daretu à u cosmu. Ùn credenu micca in un Diu persunale è interpretanu sia u male sia u male cum'è divinu.
  • I politeisti credenu in parechji esseri divini. Ognunu di questi dii pò aiutà o dannà, ma nimu hà u putere assolutu. Dunque tuttu deve esse veneratu. Parechje credenze in u Mediu Oriente è Greco-Rumane, è ancu i culti spirituali è ancestrali di parechje culture tribali eranu o sò politeiste.
  • I teisti credenu in un Diu persunale cum'è origine, sustenitore è centru di tutte e cose. Se l'esistenza di altri dii hè fondamentalmente esclusa, hè una questione di monoteismu, cume si mostra in forma pura in a fede di u patriarca Abraham. Trè religioni mundiali si riferenu à Abràhamu: Ghjudaismu, Cristianesimu è Islam.

Ci hè un diu?

Ogni cultura di a storia hà sviluppatu un sensu più o menu forte chì Diu esiste. U scetticu chì nega à Diu hà sempre avutu difficultà. Ateismu, nihilisimu, esistenzialismu - quessi sò tutti tentativi di interpretazione di u mondu senza un onnipotente, creatore chì agisce personalmente chì determina ciò chì hè bonu è ciò chì hè male. In ultimamente, queste è filosofie simili ùn danu micca una risposta soddisfacente. In un certu sensu, eludenu u prublema di core. Ciò chì vulemu veramente sapè hè chì tippu d'esse u Creatore hà, ciò chì prevede di fà è ciò chì deve accadere per chì pudemu campà in armunia cù Diu.

2. Cumu Diu si svela à noi?

Mettiti ipoteticamente à u locu di Diu. Anu creatu tutte e cose cumpresi l'omu. Avete fattu l'omu à a vostra maghjina (Ghjenesi 1: 1-26) è li hà datu a capacità di avè una relazione speciale cun voi. Ùn li dite micca ancu à a ghjente qualcosa di voi? Dì lu ciò chì vulete da ellu? Mostrallu cumu entre in a relazione di Diu chì vulete? Qualchissia chì assume chì Diu ùn hè micca sappiutu assume chì Diu si piatta da a so criatura per qualchì mutivu. Ma Diu si rivela à noi: in a so creazione, in a storia, in a Bibbia è per mezu di u so Figliolu Ghjesù Cristu. Consideremu ciò chì Diu ci mostra per mezu di i so atti di rivelazione di sè.

A creazione palesa à Diu

Si pò ammirà u grande cosmu è ùn vole micca ammette chì Diu esiste, ch'ellu tene tuttu u putere in e so mani, ch'ellu permetti à l'ordine è l'armunia di prevale? Rumani 1:20: "Perchè l'esse invisibile di Diu, chì hè a so putenza eterna è Divinità, hè statu vistu da e so opere dapoi a creazione di u mondu, se unu li percepisce". A vista di u celu hà fattu u rè David stupitu chì Diu trattassi di qualcosa di insignificante cum'è l'omu: "Quandu vecu u celu, u travagliu di e to dite, a luna è e stelle chì avete preparatu: chì hè l'omu chì pensate à ellu, è u figliolu di l'omu, chì l'avete curatu? " (Salmu 8: 4-5).

Hè ancu famosa a grande disputa trà u dubbitu Job è Diu. Diu li mostra i so miraculi, prova di a so autorità è saviezza senza limiti. Questu scontru empie Job di umiltà. I discorsi di Diu ponu esse letti in u libru di Job in u capitulu 38 à 41. "Ricunnoscu", ammette Job, "chì pudete fà tuttu, è nunda di ciò chì avete messu à fà hè troppu difficiule per voi ... Hè per quessa chì aghju parlatu imprudente, ciò chì hè troppu altu per mè è ùn capiscu micca. .. Aghju avutu da voi intesu solu per rumore; ma avà u mo ochju vi hà vistu " (Job 42: 2-3,5). Da a creazione ùn vedemu micca solu chì Diu esiste, ma ne vedemu ancu tratti di a so natura. Ciò significa chì a pianificazione in l'universu presuppone un pianificatore, a legge naturale presuppone un legislatore, a preservazione di tutti l'esseri presuppone un sustenitore è l'esistenza di vita fisica presuppone un donatore di vita.

U pianu di Diu per l'omu

Chì vulia Diu quandu hà creatu tutte e cose è ci hà datu a vita? Paulu spiegò à l'Atenesi: "... hà fattu di tuttu un razza umana da un omu per ch'elli pudessinu campà nantu à a terra sana, è hà determinatu quantu duvianu esiste è in quali limiti duvianu abità per circà Diu. S'elli u ponu sente è truvà; è in effetti ùn hè micca luntanu da ognunu di noi. Perchè in ellu campemu, intrecciamu è simu; cum'è certi pueti trà voi anu dettu ancu: Simu di a so generazione " (Atti 17: 26-28). O semplicemente, cum'è scrive Johannes, chì "amemu perchè ellu ci hà amatu prima" (1 Ghjuvanni 4:19).

A storia palesa à Diu

I scettichi dumandanu: "S'ellu ci hè Diu, perchè ùn si mostra micca à u mondu?" È "S'ellu hè veramente onnipotente, perchè permette u male?" A prima dumanda suppone chì Diu ùn si sia mai mostratu à l'umanità. È u secondu, ch'ellu hè insensatu à l'angoscia umana o almenu ùn face nunda. Storicamente è a Bibbia cuntene numerosi registri storichi, e duie assunzioni ùn sò micca tenibili. Dapoi i tempi di a prima famiglia umana, Diu hè ghjuntu spessu in cuntattu direttu cù e persone. Ma di solitu a ghjente ùn vole sapè nunda d'elli!

Isaia scrive: "In verità, sì un Diu piattu ..." (Isaia 45:15). Spessu Diu "si piatta" quandu a ghjente li mostra per mezu di i so penseri è di e so azzioni chì ùn volenu nunda à chì vede cun ellu o cù i so modi. Isaia aghjusta dopu: "Eccu, u bracciu di u Signore ùn hè micca troppu cortu ch'ellu ùn pò aiutà, è e so orecchie ùn sò micca diventate dure per ch'ellu ùn possa sente, ma i vostri debiti ti separanu da un Diu è nascondenu i to peccati a so faccia davanti à voi per ùn esse intesu " (Isaia 59: 1-2).

Tuttu hà principiatu cù Adamu è Eva. Diu i creò è i messe in un giardinu chì fiurì. E dopu li parlò direttamente. Sapete chì era quì. Li hà mostratu cume si leganu cun ellu. Ùn li hà micca lasciatu à a so manera. Adamu è Eva anu avutu à fà una scelta. Anu avutu à sceglie se venerà à Diu (in modu simbolicu: manghjà da l'arburu di a vita) o trascurà Diu (simbolicamente: manghjà da l'arburu di a cunniscenza di u bè è di u male). Avete sceltu l'arburu sbagliatu (Ghjenesi 1 è 2). Spessu trascuratu, però, hè chì Adamu è Eva sapianu ch'elli avianu disubbiditu à Diu. Si sentenu culpevuli. A prossima volta chì u Creatore hè andatu à parlà cun elli, anu intesu: "U Signore Diu chì camminava in u giardinu quandu u ghjornu era frescu. È Adamu è a so moglia s'ammuccianu sottu à l'arburi da a vista di u Signore Diu in u giardinu" (Ghjenesi 1: 3).

Allora chì si piattava? Micca Diu! Ma a ghjente davanti à Diu. Vulianu distanza, separazione trà ellu è ellu. È hè cusì chì ferma dapoi tandu. A Bibbia hè piena di esempi di Diu chì dà una manu d'aiutu à l'umanità è chì l'umanità si ne turnanu. Noè, un "predicatore di ghjustizia" (2 Petru 2: 5), hà passatu un seculu sanu à avvistà u mondu di u ghjudiziu chì vene di Diu. U mondu ùn hà micca intesu è hè statu annegatu in u diluviu. U Diu piccatore di Sodoma è Gomorra hè distruttu da una tempesta di focu, u fumu di u quale s'arrizzò cum'è un fanale "cum'è u fume di un fornu" (Ghjenesi 1: 19). Ancu stu rimproveru sopranaturale ùn hà micca fattu u mondu megliu. A maiò parte di l'Anticu Testamentu descrive l'azzioni di Diu versu u populu sceltu d'Israele. Israele ùn vulia mancu stà à sente à Diu. "... ùn lasciate micca Diu parlà cun noi", gridonu a ghjente (Ghjenesi 2: 20).

Diu hà ancu intervenutu in a furtuna di e grande putenze cum'è l'Egittu, Ninive, Babyion è a Persia. Spessu parlava direttamente à i più alti sovrani. Ma u mondu in tuttu era firmatu obduratu. Peggiu sempre, parechji servitori di Diu sò stati crudelmente assassinati da quelli à chì vulianu purtà u missaghju di Diu. Ebrei 1: 1-2 ci dice infine: "Dopu chì Diu hà parlatu à i babbi parechje volte è in parechji modi per mezu di i prufeti, in questi ultimi ghjorni ci hà parlatu per mezu di u Figliolu ..." Ghjesù Cristu hè venutu in u mondu per predicà u Vangelu di a salvezza è u regnu di Diu. Risultatu? "Era in u mondu, è u mondu era fattu da ellu; ma u mondu ùn u ricunnosce micca" (Ghjuvanni 1:10). U so scontru cù u mondu li hà purtatu a morte.

Ghjesù, Diu incarnatu, hà manifestatu l'amore è a cumpassione di Diu per a so creazione: "Ghjerusalemme, Ghjerusalemme, tu tombi i prufeti è lapidate quelli chì ti sò stati mandati! Quantu volte aghju vulsutu riunisce i vostri figlioli cum'è una gallina chì raccoglie i so pulcini sottu à e so ale; è ùn avete micca vulsutu! " (Matteu 23:37). Innò, Diu ùn stà luntanu. Si hè rivelatu in a storia. Ma a maiò parte di a ghjente hà chjosu l'ochji per ellu.

U testimoniu biblicu

A Bibbia ci mostra à Diu in i seguenti modi:

  • L'affirmazioni di Diu nantu à u so esse
    Cusì in Esodu 2:3 rivela u so nome à Mosè: "Seraghju quellu chì seraghju". Mosè hà vistu una machja ardente chì ùn era micca cunsumata da u focu. In questu nome si prova à esse un esse di è vive di sè stessu. Ulteriori aspetti di u so esse sò rivelati in i so altri nomi biblichi. Diu hà urdinatu à l'Israele: "Dunque sarete santu, perchè sò santu" (Ghjenesi 3: 11). Diu hè santu. In Isaia 55: 8 Diu ci dice chjaramente: "... i mo penseri ùn sò micca i vostri penseri, è i vostri modi ùn sò micca i mo modi ..." Diu vive è agisce à un livellu più altu di noi. Ghjesù Cristu era Diu in forma umana. Si descrive cum'è "a luce di u mondu" (Ghjuvanni 8:12), cum'è u "Sò" chì hà campatu prima d'Abraham (Versu 58), cum'è "a porta" (Ghjuvanni 10: 9), cum'è "u bonu pastore" (Versu 11) è cum'è "u modu è a verità è a vita" (Ghjuvanni 14:6).
  • Dichjarazioni di Diu nantu à u so travagliu
    Fà appartene à l'essenza, o piuttostu nasce da ellu. E dichjarazioni nantu à fà dunque cumplementanu dichjarazioni nantu à l'esse. Facciu "a luce ... è creu a bughjura", dice Diu d'ellu stessu in Isaia 45: 7; Dò "Pace ... è crea calamità. Sò u Signore chì face tuttu què". Tuttu ciò chì hè statu creatu da Diu. È ammaestra ciò chì hè creatu. Diu predice ancu l'avvene: "Sò Diu, è nimu altru, un Diu chì ùn s'assumiglia nunda. Dapoi u principiu aghju proclamatu ciò chì avia da vene dopu, è nanzu ciò chì ùn hè ancu accadutu. Dicu: Ciò chì aghju decisu di accade, è tuttu ciò chì mi sò messu à fà, u facciu " (Isaia 46: 9-10). Diu ama u mondu è hà mandatu u so Figliolu per purtà a salvezza. "Perchè Diu hà tantu amatu u mondu chì hà datu u so unicu Figliolu, affinchì tutti quelli chì credenu in ellu ùn sianu micca persi, ma avissinu a vita eterna" (Ghjuvanni 3:16). Diu porta i zitelli in a so famiglia per mezu di Ghjesù. In Revelazione 21: 7 leggimu: "Quellu chì vincerà ereditarà tuttu, è eu saraghju u so Diu è ellu serà u mo figliolu". In quantu à l'avvene, Ghjesù dice: "Vede, vene prestu, è a mo ricumpensa cun mè, per dà à ognunu cume sò e so opere" (Revelazione 22:12).
  • Dichjarazioni di e persone nantu à a natura di Diu
    Diu hè sempre statu in cuntattu cù e persone ch'ellu hà sceltu di realizà a so vulintà. Parechji di sti servitori ci anu lasciatu i dettagli di a natura di Diu in a Bibbia. "... u Signore hè u nostru Diu, u Signore solu", dice Mosè (Ghjenesi 5: 6). Ci hè solu un Diu. A Bibbia sustene u monoteisimu. (Vede u terzu capitulu per più dettagli). Di e numerose dichjarazioni fatte da u salmistu nantu à Diu quì, solu questu: "Perchè quale hè Diu, sì ùn hè micca u Signore, o una roccia, sì ùn hè micca u nostru Diu?" (Salmu 18: 32). Solu Diu hè duvutu adurà, è rinforza quelli chì u veneranu. Ci hè una bundanza di intuizioni nantu à a natura di Diu in i Salmi. Unu di i versi i più cunsulatori di a Scrittura hè 1 Ghjuvanni 4:16: "Diu hè amore ..." Un insight impurtante nantu à l'amore di Diu è a so alta vuluntà per l'omu si pò truvà in 2 Petru 3: 9: "U Signore.. . ùn vole micca chì nimu si perdi, ma piuttostu chì tutti trovanu u pentimentu. " Chì hè u più grande desideriu di Diu per noi, e so creature, i so figlioli? Chì seremu salvati. È a Parolla di Diu ùn ritorna micca à ellu viotu - hà da rializà ciò chì hè destinatu (Isaia 55:11). Sapendu chì u scopu di Diu hè è hè capace di salvacci ci duverebbe dà grande speranza.
  • A Bibbia cuntene dichjarazioni fatte da e persone nantu à ciò chì Diu face
    Diu "impiccà a terra sopra à nunda", dice Job 26: 7. Dirige e forze chì determinanu l'orbita è a rotazione di a terra. In a so manu ci hè vita è morte per l'abitanti di a terra: "Sì piattate u to visu, sò spaventati; sì li toglie u fiatu, passanu è diventanu torna polvera. Mandate fora di u vostru fiatu, sò creati è ne create novi a forma di a terra " (Salmu 104: 29-30). Tuttavia, Diu, ancu se onnipotente, cum'è u Creatore amorevule hà fattu l'omu à a so maghjina è li hà datu u duminiu nantu à a terra (Ghjenesi 1: 1). Quandu hà vistu chì a gattivezza si era sparta nantu à a terra, "si dispiace d'avè fattu l'omi nantu à a terra, è era adduluratu in u so core" (Ghjenesi 1: 6). Hà rispostu à a gattivezza di u mondu mandendu u diluviu chì hà manghjatu tutta l'umanità eccettu Noè è a so famiglia (Ghjenesi 1: 7). Più tardi Diu hà chjamatu u patriarca Abràhamu è hà fattu cun ellu un allianza per mezu di u quale "tutte e generazioni di a terra" devenu esse benedette (Ghjenesi 1: 12-1) una riferenza à Ghjesù Cristu, un discendente d'Abràhamu. Quandu hà furmatu u populu d'Israele, Diu li hà purtatu miraculosamente attraversu u Mari Rossu è hà distruttu l'armata egiziana: "... cavallu è omu hà lampatu in mare" (Ghjenesi 2: 15). Israele hà rumputu u so accordu cù Diu è hà permessu di scoppià a viulenza è l'inghjustizie. Dunque, Diu hà permessu à a nazione di esse attaccata da populi stranieri è infine hà purtatu fora di a Terra Promessa in schiavitù (Hesekiel 22:23-31; 36:15-21). Eppuru u Diu misericurdiosu hà prumessu di mandà un Salvatore in u mondu per fà una alleanza eterna di ghjustizia cù tutti quelli chì si pentenu di i so peccati, israeliti è non israeliti. (Isaia 59: 20-21). È infine Diu hà infatti mandatu u so Figliolu Ghjesù Cristu. Ghjesù hà dichjaratu: "Chì ghjè a vulintà di u mo babbu chì quellu chì vede u Figliolu è crede in ellu abbia a vita eterna; è l'aghju da risuscità l'ultimu ghjornu" (Ghjuvanni 6:40). Diu hà assicuratu: "... quellu chì invucarà u nome di u Signore serà salvatu" (Rumani 10:13).

Oghje Diu autorizza a so chjesa à predicà u Vangelu di u regnu "in tuttu u mondu per a testimunianza di tutti i populi" (Matteu 24:14). U ghjornu di e Penticoste dopu a risurrezzione di Ghjesù Cristu, Diu hà mandatu u Spìritu Santu per unisce a chjesa in u corpu di Cristu è per palisà i misteri di Diu à i cristiani. (Atti 2: 1-4).

A Bibbia hè un libru nantu à Diu è a relazione di l'umanità cun ellu. U vostru messagiu ci invita à una esplorazione per tutta a vita, per amparà di più nantu à Diu, ciò ch'ellu hè, ciò ch'ellu face, ciò ch'ellu vole, ciò ch'ellu pensa. Ma nimu pò capisce un quadru perfettu di a realità di Diu.

Un pocu scuragiatu da a so incapacità di capisce a pienezza di Diu, Ghjuvanni chjude u so contu di a vita di Ghjesù cù e parolle: "Ci hè parechje altre cose chì Ghjesù hà fattu. Ma se una cosa dopu l'altra duverebbe esse scritta, allora, Vogliu dì chì u mondu ùn capisceria micca i libri da scrive " (Ghjuvanni 21:25).

In breve, a Bibbia mostra à Diu cum'è

• esse di sè stessu

• micca liatu da alcunu limitu di tempu

• micca ligatu da alcunu limiti spaziali

• onniputente

• onnisciente

• trascendente (stendu sopra l'universu)

• immanente (preoccupatu per l'universu).

Ma chì hè esattamente Diu?

Una volta un prufessore di religione hà pruvatu à dà à u so publicu una idea più stretta di Diu. Hà dumandatu à i studienti di mette e mani in un grande circulu è di chjude l'ochji. "Avà rilassatevi è presentatevi à Diu", hà dettu. "Pruvate à imaginà ciò chì pare, cumu pò esse u so tronu, cumu a so voce puderia sona, ciò chì succede intornu à ellu". Cù l'ochji chjusi, manu in manu, i studienti si sò seduti per un bellu pezzu in e so sedie è anu sunniatu di immagini di Diu. "Avà?" dumandò u prufessore. "U vedite? Ognunu di voi duverebbe avè qualchì ritrattu in mente avà. Ma", hà continuatu u prufessore, "ùn hè micca Diu!" "Innò!" a strappò da i so pinseri. "Ùn hè micca Diu! Un si pò micca capisce cumpletamente cù u nostru intellettu! Nimu pò capisce à Diu cumpletamente, perchè Diu hè Diu è simu solu esseri fisichi è limitati". Un insight assai prufondu.

Perchè hè cusì difficiule di definisce quale è ciò chì Diu hè? L'ostaculu principale si trova in a limitazione mintuvata da quellu prufessore: L'omu face tutte e so sperienze per mezu di i so cinque sensi, è tutta a nostra comprensione linguistica hè adattata à questu. Diu, invece, hè eternu. Hè infinitu. Hè invisibile. Eppuru, pudemu fà dichjarazioni significative nantu à un Diu ancu se simu limitati da i nostri sensi fisichi.

Realità spirituale, lingua umana

Diu si manifesta indirettamente in a creazione. Hà spessu intervenutu in a storia mundiale. A so parolla, a Bibbia, ci dice di più nantu à ellu. Hè ancu apparsu in vari modi per alcune persone in a Bibbia. Tuttavia, Diu hè spiritu, tutta a so pienezza ùn pò esse guardata, toccata o puzzulata. A Bibbia ci dà verità nantu à una cuncezzione di Diu aduprendu termini chì l'essere fisichi ponu capisce in u so mondu fisicu. Ma ste parolle ùn sò micca capaci di riflette pienu à Diu.

Per esempiu, a Bibbia chjama à Diu "scogliu" è "castellu" (Salmu 18: 3), "Scudo" (Salmu 144: 2), "consumendu u focu" (Ebrei 12:29). Sapemu chì Diu ùn currisponde micca literalmente à queste cose fisiche. Sò simboli chì, basati nantu à ciò chì hè umanamente osservabile è capiscitoghju, portanu aspetti impurtanti di Diu più vicinu à noi.

A Bibbia attribuisce ancu una forma umana à Diu, chì palesa aspetti di u so caratteru è di a relazione cù l'omu. I posti discrivenu à Diu cù un corpu (Filippi 3:21); una testa è capelli (Revelazione 1:14); una faccia (Ghjenesi 1:32; Esodu 31:2; Rivilazione 33:23); ochji è arechje (Deuteronomiu 5:11; Salmu 12:34; Revelazione 16:1); nasu (Ghjenesi 1:8; Esodu 21: 2); bocca (Matteu 4: 4; Rivilazione 1:16); Labbra (Job 11: 5); voce (Salmu 68:34; Rivilazione 1:15); Lingua è fiatu (Isaia 30: 27-28); Braccia, mani è dite (Salmu 44: 3-4; 89:14; Ebrei 1: 3; 2 Cronachi 18:18; Esodu 2:31; Deuteronomiu 18:5; Salmu 9: 10; Rivilazione 8:4); Spalle (Isaia 9: 5); pettu (Revelazione 1:13); move (Esodu 2:33); Fianchi (Ezechiele 1:27); Piedi (Salmu 18:10; Rivilazione 1:15).

Spessu quandu parlemu di a nostra relazione cù Diu, a Bibbia adopra una lingua presa da a vita di famiglia umana. Ghjesù ci insegna à pregà: "U nostru Babbu chì hè in Celu!" (Matteu 6:9). Diu vole cunsulà u so pòpulu cum'è una mamma cunforta i so figlioli (Isaia 66:13). Ghjesù ùn si vergogna di chjamà quelli scelti da Diu i so fratelli (Ebrei 2:11); hè u so fratellu maiò, u primu natu (Rumani 8:29). In Revelazione 21: 7, Diu prumette: "Quellu chì vincerà ereditarà tuttu, è seraghju u so Diu, è serà u mo figliolu". Iè, Diu chjama i cristiani à un ligame di famiglia cù i so figlioli. A Bibbia descrive stu ligame in una comprensione chì pò esse capita da l'omu. Pinta un ritrattu di a più alta realità spirituale chì puderia esse chjamata impressiunista. Questu ùn ci dà micca l'ampiezza di a futura gloriosa realtà spirituale. A gioia è a gloria di l'ultime relazioni cù Diu cum'è i so figlioli hè assai più grande di ciò chì u nostru lessicu limitatu pò sprime. Cusì 1 Ghjuvanni 3: 2 ci dice: "Cari amichi, simu dighjà figlioli di Diu; ma ùn hè ancu statu rivelatu ciò chì seremu. Ma sapemu chì quandu serà rivelatu, seremu cum'è ellu, chì avemu da vede ellu cum'ellu hè ". À a risurrezzione, quandu a pienezza di a salvezza è u regnu di Diu sò ghjunti, avemu da cunnosce infine à Diu "pienamente". "Avà vedemu una figura scura attraversu un specchiu", scrive Paul, "ma poi faccia a faccia. Avà a sò pocu à pocu; ma allora videraghju cumu sò cunnisciutu" (1 Corintini 13:12).

"Quellu chì mi vede vede u babbu"

L'autorevelazione di Diu, cum'è avemu vistu, hè attraversu a creazione, a storia è e Scritture. Inoltre, Diu si hè rivelatu à l'omu per u fattu chì ellu stessu hè diventatu omu. Hè diventatu cum'è noi è hà campatu, servutu è insignatu trà di noi. A venuta di Ghjesù era u più grande attu d'autorevelazione di Diu. "È a parolla hè diventata carne (Ghjuvanni 1:14). Ghjesù hà rinunziatu i privileghi divini è hè diventatu un essere umanu, pienu umanu. Hè mortu per i nostri peccati, hè statu risuscitatu da i morti, è hà urganizatu a so Chjesa. A venuta di Cristu hè stata un colpu per a ghjente di u so ghjornu. Perchè? Perchè a so maghjina di Diu ùn era micca abbastanza luntana, cume vedremu in i prossimi dui capituli. Eppuru, Ghjesù disse à i so discìpuli: "Quellu chì mi vede vede u Babbu!" (Ghjuvanni 14:9). In breve: Diu si hè rivelatu in Ghjesù Cristu.

3. Ùn ci hè più Diu chè mè

Ghjudaismu, Cristianesimu, Islam. Tutte e trè religioni mundiali si riferenu à Abraham cum'è babbu. Abràhamu differia da i so cuntimpuranei in un modu impurtante: Adurava solu un Diu - u veru Diu. Monoteisimu chì hè a cridenza chì ci hè solu un Diu denota u puntu di partenza di a vera religione.

Abràhamu Adurà u Vere Diu Abràhamu ùn hè micca natu in una cultura monoteista. Seculi dopu, Diu ammonisce l'anticu Israele: "I vostri babbi campavanu di l'altra parte di l'Eufrate, Terah, Abraham è u babbu di Nahor, è servianu altri dii. Allora aghju pigliatu à vostru babbu Abràhamu da l'altra parte di u fiume è l'aghju lasciatu vagà per tuttu u paese. di Canaan è multiplica u Genere ... " (Ghjosuè 24: 2-3).

Prima di esse chjamatu da Diu, Abràhamu campava in Ur; i so antenati campavanu probabilmente in Haran. Parechji dii eranu venerati in i dui lochi. In Ur, per esempiu, ci era un grande ziggurat dedicatu à u diu sumerinu luna Nanna. Altri tempii in Ur anu servutu i culti di An, Enlil, Enki è NingaL. Diu Abraham hà scappatu fora di stu mondu politeisticu di fede: "Andate da a vostra patria è da i vostri parenti è da a casa di u vostru babbu in un paese chì vogliu mustrà vi . E vogliu fà di voi un gran populu ... " (Ghjenesi 1: 12-1).

Abràhamu ubbidì à Diu è si n'andò (Verse 4). In un certu sensu, a relazione di Diu cù Israele cuminciò à questu puntu: quandu si rivelò ad Abràhamu. Diu hà fattu un allianza cun Abràhamu. In seguitu hà rinnuvatu l'allianza cù u figliolu d'Abraham Isaccu è più tardi sempre cù u figliolu Isaccu Jacob. Abràhamu, Isaccu è Ghjacobbu aduravanu l'unicu Diu veru. Questu li hà ancu fattu diversi da i so parenti stretti. Laban, un nipote di Nahor, u fratellu d'Abraham, per esempiu, cunniscia sempre i dii di a casa (Idoli) (Ghjenesi 1: 31-30).

Diu salva Israele da l'idolatria egiziana

Decennii dopu, Jakob si lascia lascià (ribattizatu in Israele) si hè stallatu in Egittu cù i so figlioli. I figlioli d'Israele sò stati in Egittu per parechji seculi. Ancu in Egittu, ci hè statu un politeisimu dichjaratu. U Lessicu di a Bibbia (Eltville 1990) scrive: "A religione [d'Egittu] hè un conglomeratu di e religioni nomos individuali, à quale numerose divinità sò state introdotte da l'estranu. Passu (Baal, Astarte, u Bes scrucconatu), senza primura di e cuntradizioni trà e varie idee chì sò nate ... In terra i dii si incorporanu in animali ricunnisciuti da certi segni " (Pp. 17-18).

In Egittu, i figlioli d'Israele crescenu in numeru ma sò cascati in a schiavitù di l'Egizziani. Diu si hè rivelatu in una seria d'atti chì anu purtatu à a liberazione d'Israele da l'Egittu. Dopu hà fattu un allianza cù a nazione d'Israele. Cum'è questi eventi mostranu, l'autorevelazione di Diu per l'omu hè sempre stata monoteista. Si rivela à Mosè cum'è u Diu d'Abràhamu, Isaccu è Ghjacobbu. U nome ch'ellu si dà ("Seraghju" o "Sò", Esodu 2:3) suggerisce chì altri dii ùn esistenu micca cum'è Diu. Diu hè. Ùn sì micca!

Perchè u Faraone ùn vole micca liberà l'Israeliti, Diu umilia l'Egittu cù dece pesti. Parechje di queste piaghe mostranu direttamente l'imputenza di i dii egiziani. Per esempiu, unu di i dii egiziani hà una testa di rana. A pesta di Diu di e ranochje face u cultu di stu diu ridiculu.

Ancu dopu avè vistu e cunsequenze terribili di e dece piaghe, Faraone ricusa di lascià andà à l'Israele. Allora Diu distrugge l'armata egiziana in mare (Ghjenesi 2: 14). Questu attu dimostra a impotenza di u diu di u mare egizianu. Cantendu canzoni trionfanti (Esodu 2: 15-1), i figlioli d'Israele lodanu u so Diu Onniputente.

U veru Diu si ritrova è si perde torna

Da l'Egittu, Diu cunduce l'Israeliti à u Sinai, duv'elli sigillanu un allianza. In u primu di i dece cumandamenti, Diu mette in risaltu chì solu ellu hè duvutu adurà: "Ùn averete micca altri dii fora di mè" (Ghjenesi 2: 20). In u secondu cumandamentu pruibisce l'immagine è l'idolatria (Versi 4-5). Una volta è una volta Mosè ammonisce l'Israele per ùn succumbere à l'idolatria (5. Mose 4:23-26; 7:5; 12:2-3; 29:15-20). Sà chì l'Israeliti seranu tentati à seguità i dii cananei quand'elli ghjunghjenu in a terra prumessa.

U nome di preghiera Sh'ma (Ebreu, "Sentite!" Dopu a prima parolla di sta preghiera) esprime l'impegnu di Israele à Diu. Cumencia cusì: "Senti, o Israele, u Signore hè u nostru Diu, solu u Signore. È amarà u Signore u to Diu cù tuttu u to core è cù tutta a to anima è cù tutte e to forze" (Ghjenesi 5: 6-4). Tuttavia, Israele hè vittima ripetutamente di i dii cananiani, cumpresu EI (un nome standard chì pò ancu esse applicatu à u veru Diu), Baal, Dagon è Asthoreth (un altru nome di a dea Astarte o Ishtar). In particulare u cultu Baal hà una attrazione seducente per l'Israele. Quandu anu colonizatu a terra di Canaan, eranu dipendenti da boni racolti. Baal, u diu di a timpesta, hè veneratu in riti di fertilità.

The International Standard Bible Encyclopedia: "Perchè si cuncentra nantu à a fertilità di a terra è di l'animali, u cultu di a fertilità deve avè sempre avutu un effettu attrattivu nantu à e società cum'è l'anticu Israele, chì a so economia era principalmente rurale" (Volume 4, p. 101).

I prufeti di Diu ammoniscenu l'Israele per chì si pentinu di a so apostasia. Elia dumanda à a ghjente: "Sin'à quandu zoppicate da i dui lati? Sì u Signore hè Diu, seguitelu, ma sì Baal, seguitelu" (1 Re 18:21). Diu risponde à a preghiera di Elia per pruvà ch'ellu hè solu Diu. A ghjente ricunnosce: "U Signore hè Diu, u Signore hè Diu!" (Verse 39).

Diu ùn si rivela solu cum'è u più grande di tutti i dii, ma cum'è l'unicu Diu: "Sò u SIGNORE, è nimu altru, nisun diu hè fora" (Isaia 45:5). È: "Nisun Diu hè fattu davanti à mè, nè ci serà dopu à mè. Eiu, sò u Signore, è fora di mè ùn ci hè micca Salvatore" (Isaia 43: 10-11).

Ghjudaismu - strettamente monoteisticu

A religione ebraica di l'epica di Ghjesù ùn era nè enotista (assumendu parechji dii, ma cunsiderendu unu per esse u più grande) sempre monoiatricu (permettendu solu u cultu di un diu, ma cunsiderendu chì esistenu altri), ma strettamente monoteisticu (cridendu chì ci hè solu un Diu). Sicondu u Dizziunariu Teologicu di u Novu Testamentu, i Ghjudei ùn eranu uniti nant'à a cridenza in un Diu (Volume 3, p. 98).

Finu à oghje, recità a Sh'ma hè una parte integrante di a religione ebraica. Rabbi Akiba (hè mortu cum'è martire in u II seculu d.C.), chì si dice chì hè statu esecutatu mentre pregava a Sh'ma, si dice chì ripete i so turmenti in Deuteronomiu 2: 5 è hà pigliatu u so ultimu respiru à a parolla "solu". .

Ghjesù à u monoteisimu

Quandu un scribu dumanda à Ghjesù ciò chì hè u più grande cumandamentu, Ghjesù risponde cù una citazione di Sh'ma: "Senti, Israele, u Signore u nostru Diu, solu u Signore hè, è duvete amà u Signore u vostru Diu cù tuttu u vostru core Cuore, cù tutta a to anima, cù tutta a to mente è cù tutta a to forza " (Marcu 12: 29-30). U scribu accetta: "Maestru, avete parlatu bè! Ùn hè solu unu, è ùn hè altru ch'è ellu ..." (Verse 32).

In u prossimu capitulu vedremu chì a venuta di Ghjesù approfonda è allarga a maghjina di Diu di a chjesa di u Novu Testamentu. Ghjesù si dice esse u Figliolu di Diu è in listessu tempu unu cù u Patre. Ghjesù afferma u monoteisimu. U Dizziunariu Teologicu di u Novu Testamentu mette in risaltu: "Attraversu a Cristulugia [di u Novu Testamentu], u monoteisimu di i primi cristiani hè cunsulidatu, micca scuzzulatu ... Sicondu i Vangeli, Ghjesù intensifica ancu u credu monoteisticu" (Volume 3, p. 102).

Ancu i nemichi di Cristu l'attestanu: "Maestru, sapemu chì site veritativu è ùn dumandate micca à nimu; perchè ùn rispettate micca a reputazione di e persone, ma insegnate a strada di Diu bè" (Verse 14). Cum'è e Scritture mostranu, Ghjesù hè "u Cristu di Diu" (Luke 9:20), "u Cristu, u sceltu di Diu" (Luca 23:35). Hè "Agnellu di Diu" (Ghjuvanni 1:29) è "u pane di Diu" (Ghjuvanni 6:33). Ghjesù, a Parolla, era Diu (Ghjuvanni 1:1). Forse a più chjara dichjarazione monoteista chì Ghjesù hà fattu si trova in Mark 10: 17-18. Quandu qualchissia li parla cù "bonu maestru", Ghjesù risponde: "Cumu mi chjamate bè? Nimu ùn hè bonu, ma Diu solu".

Ciò chì predicava a chjesa primitiva

Ghjesù hà datu à a so chjesa a cumissione di predicà u Vangelu è di fà discepuli di tutte e nazioni (Matteu 28: 18-20). Dunque, hà pridicatu prestu à e persone chì eranu influenzate da a cultura politeista. Quandu Paulu è Barnaba prediconu è fecenu miraculi in Listra, a reazione di l'abitanti hà traditu u so pensamentu strettamente politeisticu: "Ma quandu a ghjente hà vistu ciò chì Paul avia fattu, alzonu a voce è gridonu in Licaone: I dii sò uguali à l'omi è sò venuti finu à noi. È chjamonu Barnabas Zeus è Paulus Hermes ... " (Atti 14: 11-12). Hermes è Zeus eranu dui dii di u panteonu grecu. Sia u panteone grecu sia u rumanu eranu ben cunnisciuti in u mondu di u Novu Testamentu, è u cultu di i dii greco-rumani fiurì. Paulu è Barnabassu anu rispostu appassiunatamente monoteistu: "Simu dinò ghjente murtale cum'è voi è vi predichemu u Vangelu chì duverebbe vultà da sti falsi dii à u Diu vivente, chì hà fattu u celu è a terra è u mare è tuttu ciò chì hè in elli Hà" (Verse 15). Ancu cusì, ùn puderianu guasi impedisce a ghjente di sacrificalli.

In Atene, Paulu hà trovu altari di parechji dii diversi - ancu un altare cù a dedicazione "À u Diu scunnisciutu" (Atti 17:23). Hà utilizatu st'altare cum'è "ganciu" per a so predica di monoteisimu à l'Ateni. In Efesu, u cultu Artemide (Diana) era accumpagnatu da un cummerciu vivace di immagini di dii. Dopu chì Paulu predicò u solu veru Diu, quellu cummerciu si calò. L'orfebru Demetriu, chì ne hà subitu perdite, si lagnava chì "questu Paulu arrubba assai ghjente saziosa, cunvince è dice: Ciò chì si face cù e mani ùn sò micca dei" (Atti 19:26). Una volta di più un servitore di Diu predica a futilità di l'ìduli artificiali. Cum'è l'Anticu, u Novu Testamentu pruclama solu un veru Diu. L'altri dii ùn sò micca.

Nisun altru diu

Paulu dice chjaramente à i cristiani di Corintu chì ellu sà "chì ùn ci hè micca idola in u mondu è ùn ci hè micca un diu chè quellu" (1 Corintini 8:4).

U Monoteismu determina à tempu l'Anticu è u Novu Testamentu. Abràhamu, u babbu di i credenti, hà chjamatu Diu da una sucietà politeista. Diu s'hè rivelatu à Mosè è à Israele è hà fundatu l'antica allianza solu per l'adorazione di sè stessu. Hà mandatu prufeti per enfatizà u messagiu di u monoteisimu. È infine Ghjesù stessu hà ancu cunfirmatu u monoteisimu. A Chjesa di u Novu Testamentu chì hà fundatu hà luttatu costantemente contr'à e credenze chì ùn rappresentavanu micca u puru monoteismu. Dapoi i tempi di u Novu Testamentu, a chjesa hà sempre predicatu ciò chì Diu hà rivelatu tempi fà: Un solu hè Diu, "u Signore solu".

4. Diu hà rivelatu in Ghjesù Cristu

A Bibbia insegna: "Ci hè solu un Diu". Micca dui, trè, o mille. Ci hè solu Diu solu. U Cristianesimu hè una religione monoteista, cum'è avemu vistu in u terzu capitulu. Hè per quessa chì a venuta di Cristu hà causatu un tale agitatu in quellu tempu.

"Un fastidiu per i Ghjudei ..."

Per mezu di Ghjesù Cristu, per u "splendore di a so gloria è a somiglianza di u so esse", Diu si hè rivelatu à l'omu (Ebrei 1:3). Ghjesù chjamò Diu u so Babbu (Matteu 10: 32-33; Luke 23:34; John 10:15) è hà dettu: "Quellu chì mi vede vede u Babbu!" (Ghjuvanni 14:9). Hà fattu l'affirmazione ardita: "Eiu è u babbu simu unu" (Ghjuvanni 10:30). Dopu a so risurrezzione, Tumasgiu li s'addirizza cù "U mo Signore è u mo Diu!" (Ghjuvanni 20:28). Ghjesù Cristu era Diu.

U ghjudaisimu ùn puderia micca accettà questu. "U Signore hè u nostru Diu, u Signore solu" (Deuteronomiu 5: 6); sta frase da u Sh'ma hà longu furmatu u fundamentu di a fede ebraica. Ma eccu chì ghjunse un omu cun una profonda comprensione di e Scritture è di puteri miraculosi chì dichjarava esse u Figliolu di Diu. Alcuni dirigenti ebrei l'anu ricunnisciutu cum'è maestru chì vene da Diu (Ghjuvanni 3:2).

Ma u figliolu di Diu? Cumu puderia quellu, solu Diu esse babbu è figliolu in listessu tempu? "Ghjè per quessa chì i Ghjudei anu circatu ancu di più per tumballu", dice Ghjuvanni 5:18, "perchè ùn solu hà rumputu u sàbatu, ma hà ancu dettu chì Diu era u so Babbu." In fine, i Ghjudei u cundannonu à morte perchè avia blasfematu in l'ochji: "Allora u suvranu sacrificadore u dumandò di novu è li disse: Sì u Cristu, u Figliolu di u Beatu? Ma Ghjesù disse: Sò eiu; è viderete u Figliolu di l'Omu pusatu à a diritta di u Potere è chì vene cù i nivuli di u celu. Allora u suvranu sacrificatore strappò i so panni è disse: Chì altri testimoni avemu bisognu? Avete intesu a ghjastema. Chì ghjè u vostru ghjudiziu? Ma tutti l'anu cundannatu ch'ellu era culpevule di morte " (Marcu 14: 61-64).

"... è una fola per i Grechi"

Ma ancu i Grechi di l'epica di Ghjesù ùn anu pussutu accettà l'affirmazione chì Ghjesù hà fattu. Nunda, era a so cunvinzione, ùn pò colmà a distanza trà l'eternu-immutabile è l'efemero-materiale. E cusì i Grechi si sò burlati di a seguente profonda dichjarazione di Ghjuvanni: "In principiu era a parolla, è a parolla era cun Diu, è Diu era a parolla ... È a parolla s'hè fatta carne è hà campatu trà di noi, è avemu vistu a so gloria , una gloria cum'è l'unicu Figliolu di u Babbu, pienu di grazia è di verità " (Ghjuvanni 1: 1, 14). Questu ùn hè micca abbastanza di l'incredibile per l'incredibile. Non solu Diu hè diventatu omu è hè mortu, hè statu risuscitatu da i morti è hà recuperatu a so gloria precedente (Ghjuvanni 17:5). L'apòstulu Paulu hà scrittu à l'Efesu chì Diu "hà risuscitatu u Cristu da i morti è l'hà istituitu à a so diritta in celu" (Efesini 1:20).

Paulu parla chjaramente di a custernazione chì Ghjesù Cristu hà causatu ind'è Ghjudei è Grechi: "Perchè u mondu, circundatu da a saviezza di Diu, ùn hà micca ricunnisciutu à Diu per via di a so saviezza, hà piaciutu à Diu di salvalli attraversu a follia di a predicazione crede in ella . Perchè i Ghjudei dumandanu segni, è i Grechi dumandanu a saviezza, ma noi predichemu u Cristu crucifissu, à i Ghjudei una offesa è à i Grechi una follia " (1 Corintini 1: 21-23). Solu quelli chì sò chjamati puderanu capisce è abbraccià a nutizia maravigliosa di u Vangelu, dice Paulu; "À quelli ... chì sò chjamati, Ghjudei è Grechi, predichemu à Cristu cum'è a putenza di Diu è a saviezza di Diu. Perchè a follia di Diu hè più sàviu di l'omi è a debolezza di Diu hè più forte di l'omi" (Versi 24-25). È in Rumani 1:16 Paulu esclama: "... Ùn aghju micca vergogna per u Vangelu; perchè hè una putenza di Diu chì salva tutti quelli chì ci credenu, i Ghjudei prima è ancu i Grechi".

"Sò a porta"

Durante a so vita terrena, Ghjesù, Diu incarnatu, hà scuppiatu assai idee anziane, amate - ma false - di ciò chì Diu hè, di cume Diu vive è di ciò chì Diu vole. Hà messu in risaltu verità chì l'Anticu Testamentu avia solu accennatu. È hà annunziatu, ghjustu
a salvezza hè pussibile per ellu.

"Sò a strada, a verità è a vita", hà proclamatu, "nimu vene à u Babbu, ma per mezu di mè" (Ghjuvanni 14:6). E: "Sò a vigna, voi site i rami. Quellu chì stà in mè è eiu in ellu, porta assai volu; perchè senza mè ùn pudete fà nunda. Quellu chì ùn stà in mè serà ghjittatu cum'è un ramu è secca, è i raccoglie è i ghjetti in u focu è devenu brusgià " (Ghjuvanni 15: 5-6). Nanzu hà dettu: "Sò a porta; sì qualchissia entra per mè, serà salvatu ..." (Ghjuvanni 10:9).

Ghjesù hè u diu

Ghjesù ùn hà micca annullatu l'imperativu monoteisticu chì parla da Deuteronomiu 5: 6 è chì hè ripresu in tuttu l'Anticu Testamentu. À u cuntrariu, cumu ùn abulisce micca a lege, ma l'estende (Matteu 5: 17, 21-22, 27-28), allarga avà u cuncettu di u "unicu" Diu in una manera cumpletamente inaspettata. Spiega: Ci hè solu un solu Diu, ma a parolla hè stata cun Diu per l'eternità (Ghjuvanni 1: 1-2). A parolla hè diventata carne - cumpletamente umana è in listessu tempu cumpletamente Diu - è di per ella hà rinunciatu à tutti i privileghi divini. Ghjesù, "chì era in forma divina, ùn hà micca cunsideratu chì era una robba per esse uguale à Diu, ma si sviutò è assumì a forma di un servitore, diventò cum'è l'omi è ellu
Apparizione ricunnisciuta cum'è umana. Si hè umiliatu è hè statu ubbidiente à a morte, iè à a morte in croce " (Filippi 2: 6-8).

Ghjesù era pienu umanu è pienu Diu. Hà cumandatu tuttu u putere è l'autorità di Diu, ma sottumessu à e limitazioni di l'esistenza umana per noi. Durante questu tempu d'incarnazione, ellu, u figliolu, hè statu "unu" cù u babbu. "Quellu chì mi vede vede u babbu!" disse Ghjesù (Ghjuvanni 14:9). "Ùn possu micca fà nunda per mè. Cum'è sentu, ghjudicheghju, è u mo ghjudiziu hè ghjustu; perchè ùn cercu micca a mo vulintà, ma a vuluntà di quellu chì m'hà mandatu" (Ghjuvanni 5:30). Ellu disse chì ùn facia nunda per ellu stessu, ma parlava cum'è u so babbu l'avia amparatu (Ghjuvanni 8:28).

Pocu nanzu a so crucifissione hà spiegatu à i so discìpuli: "Sò surtitu da u Patre è sò andatu in u mondu; lasciu torna u mondu è andu versu u Patre" (Ghjuvanni 16:28). Ghjesù hè ghjuntu in terra per more per i nostri peccati. Ghjunse per inizià a so chjesa. Hè ghjuntu per inizià a predicazione mundiale di u Vangelu. È ghjunse ancu à palisà Diu à a ghjente. In particulare, hà fattu cunnosce a ghjente di a relazione babbu-figliolu chì esiste in a Divinità.

U Vangelu di Ghjuvanni, per esempiu, traccia largamente cumu Ghjesù rivela u Patre à l'umanità. I discorsi di Pasqua di Ghjesù sò particularmente interessanti à stu riguardu (Ghjuvanni 13: 17). Chì una cunniscenza stupenda di a natura di Diu! A rivelazione ulteriore di Ghjesù nantu à a relazione di Diu volutu trà Diu è l'omu hè ancu più stupente. L'omu pò participà à a natura divina! Ghjesù disse à i so discìpuli: "Quellu chì hà i mo cumandamenti è i guarda hè quellu chì mi ama. Ma quellu chì mi ama serà amatu da u Babbu, è eu l'amaraghju è mi revelaraghju" (Ghjuvanni 14:21). Diu vole unisce l'omu cun ellu stessu per mezu di una relazione d'amore - un amore di u tipu chì esiste trà Babbu è Figliolu. Diu si rivela à e persone in quale st'amore travaglia. Ghjesù cuntinua: "Quellu chì mi ama, tenerà a mo parolla; è u mo babbu u tenerà caru, è noi vinaremu ad ellu è ci stallaremu cun ellu. Ma quellu chì ùn mi ama ùn guarderà micca e mo parolle. È a parolla, ciò chì tù sente ùn hè micca a mo parolla, ma quella di u Babbu chì m'hà mandatu
Hà " (Versi 23-24).

Quellu chì vene à Diu per mezu di a fede in Ghjesù Cristu è sottumette fedelmente a so vita à Diu, Diu stà in ellu. Petru hà predicatu: "Pentitevi è ognunu di voi sia battezzatu in nome di Ghjesù Cristu per u pirdunu di i vostri peccati, è riceverete u donu di u Spìritu Santu" (Atti 2:38). U Spìritu Santu hè ancu Diu, cumu si viderà in u prossimu capitulu. Paulu sapia chì Diu campava in ellu: "Sò statu crucifissu cun Cristu. Aghju campatu, ma avà micca eiu, ma Cristu campa in mè. Per ciò chì campu avà in a carne, campu in fede in u Figliolu di Diu, chì piglia mè. "hà amatu è si hè datu per mè" (Galatti 2:20).

A vita di Diu in l'omu hè cum'è una "nova nascita", cum'è Ghjesù spiega in Ghjuvanni 3: 3. Cù sta nascita spirituale si principia una nova vita in Diu, diventa un citatinu di i santi è i cumpagni di casa di Diu (Efesini 2:19). Paulu scrive chì Diu "ci hà salvatu da u putere di a bughjura" è "ci hà trasferitu in u regnu di u so Figliolu caru, in u quale avemu a redenzione, vale à dì u perdonu di i peccati" (Colossesi 1: 13-14). U Cristianu hè un citatinu di u regnu di Diu. "Carissimi, simu digià figlioli di Diu" (1 Ghjuvanni 3:2). In Ghjesù Cristu, Diu hè statu pienu rivelatu. "Perchè in ellu vive tutta a pienezza di a divinità" (Colossiani 2: 9). Cosa significa sta rivelazione per noi? Pudemu diventà parte di a natura divina!

Petru tira a cunclusione: «Tuttu ciò chì serve a vita è a pietà ci hà datu u so putere divinu per via di a cunniscenza di quellu chì ci hà chjamatu per mezu di a so gloria è di a so putenza. Per mezu di elle ci sò date e più belle è più grandi prumesse, da pudè participà à a natura divina, chì avete scappatu da i desideri perniciosi di u mondu " (2 Petru 1: 3-4)

Cristu - a revelazione perfetta di Diu

Cumu Diu si hè rivelatu specificamente in Ghjesù Cristu? In tuttu ciò chì hà pensatu è fattu, Ghjesù hà rivelatu u caratteru di Diu. Ghjesù hè mortu è hè statu risuscitatu da i morti per chì l'omu pudessi esse salvatu, riconciliatu cù Diu, è uttene a vita eterna. Rumani 5: 10-11 ci dice: "Perchè sì simu stati ricunciliati cun Diu per mezu di a morte di u Figliolu, quandu eramu sempre nemichi, quantu saremu più salvati per via di a so vita dopu chì simu stati reconciliati. Ma micca solu questu, ma vantemu ancu di Diu per mezu di u nostru Henn Gesù Cristu, per mezu di quale avemu avà ricevutu a riconciliazione ".

Ghjesù hà rivelatu u pianu di Diu per stabilisce una nova cumunità spirituale transnaziunale è naziunale - a Chjesa (Efesini 2: 14-22). Ghjesù hà rivelatu à Diu cum'è u Babbu di tutti quelli chì sò nati di novu in Cristu. Ghjesù hà rivelatu u destinu gluriosu chì Diu hà prumessu à u so pòpulu. A presenza di u Spiritu di Diu in noi ci dà dighjà un gustu di sta gloria futura. U spiritu hè "l'impegnu di a nostra eredità" (Efesini 1:14).

Ghjesù hà testimuniatu ancu di l'esistenza di u Babbu è di u Figliolu cum'è un Diu unicu è cusì di u fattu chì sfarenti elementi essenziali sò spressi in una, Deità eterna. L'autori di u Novu Testamentu anu adupratu ripetutamente i nomi di Diu di l'Anticu Testamentu per Cristu. Fendu cusì, anu testimoniu micca solu cumu hè Cristu, ma ancu cumu Diu hè, perchè Ghjesù hè a rivelazione di u Babbu, è ellu è u Babbu sò una. Amparemu più nantu à Diu quandu esaminemu cumu hè Cristu.

5. Unu in trè è trè in unu

Cumu l'avemu vistu, a Bibbia riprisenta a duttrina di un Diu senza compromessi. L'incarnazione è u travagliu di Ghjesù ci anu datu una visione più profonda di u "cumu" di l'unicità di Diu. U Novu Testamentu testimone chì Ghjesù Cristu hè Diu è chì u Babbu hè Diu. Ma, cumu si viderà, raprisenta ancu u Spìritu Santu cum'è Diu - cum'è divinu, cum'è eternu. Ciò significa: A Bibbia rivela un Diu chì esiste per sempre cum'è Babbu, Figliolu è Spiritu Santu. Per questa ragione u cristianu deve esse battezzatu "in nome di u Babbu è di u Figliolu è di u Spìritu Santu" (Matteu 28:19).

À u filu di i seculi, parechji mudelli spiigativi sò emersi chì forse rendenu più capibili sti fatti biblichi à prima vista. Ma duvemu esse attenti à ùn accettà dichjarazioni chì vanu "per a porta di daretu" contru à l'insignamentu biblicu. Perchè alcune spiegazioni ponu simplificà l'affari in quantu ci danu una maghjina più tangibile è plastica di Diu. Ma prima di tuttu dipende da se una dichjarazione sia coerente cù a Bibbia, è micca da se sia autocontenuta è coerente. A Bibbia mostra chì ci hè unu - è solu unu - Diu è ancu ci prisenta à u listessu tempu Patre, Figliolu è u Spìritu Santu, tuttu eternamente esistente è chì compie tutte e cose cum'è solu Diu li pò fà.

"Unu in trè", "trè in unu", sò idee chì vanu contr'à a logica umana. Saria relativamente faciule d'imaginassi, per esempiu, un Diu essendu "tuttu un pezzu" senza "sparte" in Babbu, Figliolu è Spiritu Santu. Ma ùn hè micca u Diu di a Bibbia. Un'altra stampa simplice hè a "famiglia di u diu", chì si compone di più di un membru. Ma u Diu di a Bibbia hè assai sfarente di tuttu ciò chì averiamu pussutu sviluppà cù u nostru pensamentu è senza alcuna rivelazione.

Diu rivela assai cose nantu à ellu stessu è i credemu, ancu se ùn pudemu micca spiegalli tutte. Per esempiu, ùn pudemu micca spiegà satisfacente cumu Diu pò esse senza principiu. Una tale idea va oltre i nostri orizonti limitati. Ùn la pudemu spiegà, ma sapemu chì hè vera chì Diu ùn hà avutu principiu. A Bibbia rivela ancu chì Diu hè unu è unicu, ma ancu Babbu, Figliolu è Spiritu Santu.

U Spìritu Santu hè Diu

Atti 5: 3-4 chjama u Spìritu Santu "Diu": "Ma Petru hà dettu: Ananias, perchè Satanassu hà riempitu u to core, chì avete mentutu à u Spìritu Santu è tenutu un pocu di soldi per u campu? Se ùn l'avessi micca avutu u campu quandu l'avete? È ùn puderete micca fà ancu ciò chì vulite quandu hè statu vendutu? Perchè avete pensatu questu in u vostru core? Ùn avete micca mentutu à a ghjente, ma à Diu. " A bugia di Ananias davanti à u Spìritu Santu era, sicondu Petru, una bugia davanti à Diu.

U Novu Testamentu attribuisce proprietà à u Spìritu Santu chì solu Diu pò pussede. Per esempiu, u Spìritu Santu hè onnisciente. "Ma Diu ci hà rivelatu per mezu di u so spiritu; perchè u spiritu cerca tutte e cose, cumprese e prufundità di Divinità" (1 Corintini 2:10).

Inoltre, u Spìritu Santu hè onnipresente, ùn hè ligatu à alcuna limitazione spaziale. "O ùn sapete chì u vostru corpu hè un tempiu di u Spìritu Santu, chì hè in voi è chì avete da Diu, è chì ùn site micca di voi?" (1 Curinzî 6:19). U Spìritu Santu abita in tutti i credenti è ùn hè dunque micca limitatu à un locu. U Spìritu Santu rinnova i cristiani. "A menu chì qualchissia sia natu da l'acqua è da u Spìritu, ùn pò micca entre in u regnu di Diu. Ciò chì nasce da a carne hè carne; è ciò chì nasce da u Spìritu hè spiritu ... U ventu soffia Induv'ellu vole, è pudete sente u sonu di questu; ma ùn sapete micca da induve vene o induve va. Cusì hè cun tutti quelli chì sò nati da u Spiritu " (Ghjuvanni 3: 5-6, 8). Ellu predice l'avvene. "Ma u Spìritu dice chjaramente chì in l'ultimi ghjorni certi faleranu da a fede è si appiccheranu à spiriti seducenti è insegnamenti diabolichi". (1 Timoteu 4: 1). In a formula di battezimu, u Spìritu Santu hè piazzatu à u listessu nivellu di u Babbu è di u Figliolu: U Cristianu deve esse battezzatu "à nome di u Babbu è di u Figliolu è di u Spìritu Santu" (Matteu 28:19). A mente pò creà da nunda (Salmu 104: 30). Solu Diu hà rigali cusì creativi. Ebrei 9:14 dà l'epitetu "per sempre" à u Spìritu. Solu Diu hè eternu.

Ghjesù hà prumessu à l'apòstuli chì dopu a so partenza seria un "cunsulatore" Per invià (assistenza), chì duverebbe stà cun elli "per sempre", u "spiritu di verità, chì u mondu ùn pò riceve perchè ùn a vede micca è ùn la sà. A sapete perchè ferma cun voi è diventa esse in tù " (Ghjuvanni 14: 16-17). Ghjesù identifica esplicitamente questu «Cunsulatore cum'è u Spìritu Santu:" Ma u Cunsulatore, u Spìritu Santu, chì u mo Babbu manderà in u mo nome, vi insegnerà tuttu è vi ramenterà tuttu ciò chì vi aghju dettu " (Verse 26). U Consolatore mostra à u mondu i so peccati è ci guida in tutta a verità; tutti l'atti solu Diu pò fà. Paulu a cunferma: "Ne parlemu ancu, micca in parolle, insignate da a saviezza umana, ma in , insignatu da u Spìritu, interpretendu spirituale per spirituale " (1 Curinzî 2:13, Bibbia Elberfeld).

Babbu, Figliolu è Spiritu Santu: un Diu

Quandu avemu capitu chì ci hè solu un Diu è chì u Spìritu Santu hè Diu, cum'è u Babbu hè Diu è u Figliolu hè Diu, ùn hè micca difficiule per noi di capisce passaghji cum'è Atti 13: 2: "Ma cum'è sò per u Signore hà servitu è ​​digiunatu, hà dettu u Spìritu Santu: Separami da Barnaba è Saulu per l'opera à quale l'aghju chjamatu. "Sicondu Luke u Spìritu Santu hà dettu:" Separami da Barnaba è Saulu per l'opera à a quale aghju chjamatu elli "Luke vede l'opera di Diu direttamente in l'opera di u Spìritu Santu.

Se pigliemu a rivelazione biblica di a natura di Diu da a Parolla, hè bella. Quandu u Spìritu Santu parla, manda, ispira, guida, santifica, dà puteri o dà rigali, hè Diu chì a face. Ma postu chì Diu hè unu è micca trè esseri separati, u Spìritu Santu ùn hè micca un Diu indipendente chì agisce in modu indipendente.

Diu hà una vuluntà, a vuluntà di u Babbu, chì hè di listessa manera a vuluntà di u Figliolu è di u Spìritu Santu. Ùn si tratta micca di dui o trè esseri divini individuali chì decidenu indipindente esse in perfetta armunia unu cun l'altru. Piuttostu, hè un diu
è una vulintà. U Figliolu sprime a vuluntà di u Babbu. In cunsequenza, hè a natura è l'opera di u Spìritu Santu di rializà a vuluntà di u Babbu nantu à a terra.

Sicondu Paulu u "Signore hè ... u Spìritu" è scrive di u "Signore chì hè u Spìritu" (2 Corintini 3: 17-18). In u versu 6 dice ancu, "u Spìritu dà a vita", è hè qualcosa chì solu Diu pò. Cunnisciamu solu u Patre perchè u Spìritu ci permette di crede chì Ghjesù hè u Figliolu di Diu. Ghjesù è u Patre abitanu in noi, ma solu perchè u Spìritu abita in noi (Ghjuvanni 14: 16-17, 23; Rumani 8: 9-11). Siccomu Diu hè unu, u Babbu è u Figliolu sò ancu in noi quandu u Spìritu hè in noi.

In 1 Curinzî 12: 4-11 Pàulu face uguale à u Spìritu, u Signore è Diu. Ci hè "un Diu chì travaglia in tutti", scrive in u versu 6. Ma uni pochi di versi in più dice: "Tuttu què hè fattu da u stessu spiritu", vale à dì "cum'è ellu [u spiritu] vole". Cumu a mente pò vulè qualcosa? Per esse Diu. È postu chì ci hè solu un Diu, a vulintà di u Babbu hè dinò a vuluntà di u Figliolu è di u Spìritu Santu.

Adurà à Diu significa adurà u Babbu, u Figliolu è u Spìritu Santu, perchè sò l'unicu Diu. Ùn ci hè micca permessu di enfatizà u Spìritu Santu è adurà lu cum'è un essere indipendente. Micca à u Spìritu Santu cum'è tale, ma à Diu, u Babbu, u Figliolu è u Santu
S'ellu ci hè spiritu in unu, u nostru cultu duveria esse. Diu in noi (u Spìritu Santu) ci move per adurà à Diu. U Cuncorsu (cum'è u figliolu) ùn parla micca "d'ellu stessu" (Ghjuvanni 16:13) ma dice ciò chì u Babbu li dice. Ùn ci riferisce micca à ellu stessu, ma à u Patre per mezu di u Figliolu. Nè preghemu ancu à u Spìritu Santu cum'è tale - hè u Spiritu in noi chì ci aiuta à pregà è ancu intercede per noi (Rumani 8:26).

Se Diu stessu ùn fussi micca in noi, ùn seriamu mai cunvertiti à Diu. Se Diu stessu ùn fussi micca in noi, ùn seriamu nè Diu nè u Figliolu (rilevà. Dunque duvemu a salvezza à Diu solu, micca à noi. U fruttu chì portemu hè u fruttu di u fruttu di u Spiritu-Diu, micca u nostru. Tuttavia, se vulemu, godemu di u grande privilegiu di pudè collaborà à l'opera di Diu.

U Patre hè u Creatore è a fonte di tutte e cose. U Figliolu hè u Redentore, u Salvadore, l'urganu esecutivu attraversu chì Diu hà creatu tuttu. U Spìritu Santu hè u cunsuladore è l'avucatu. U Spìritu Santu hè Diu in noi, chì ci porta à u Babbu per mezu di u Figliolu. Per mezu di u Figliolu simu purificati è salvati per chì pudemu avè fraterna cun ellu è u Patre. U Spìritu Santu tocca u nostru core è a nostra mente è ci porta à a fede in Ghjesù Cristu, chì hè a strada è a porta. U Spìritu ci dà rigali, i rigali di Diu, frà i quali a fede, a speranza è l'amore ùn sò micca i menu.

Tuttu què hè l'opera di u Diu unicu chì si rivela à noi cum'è Babbu, Figliolu è Spiritu Santu. Ùn hè un altru diu chè u Diu di l'Anticu Testamentu, ma si ne rivela di più in ellu in u Novu Testamentu: Hà mandatu u so Figliolu cum'è omu per more per i nostri peccati è esse risuscitatu à a gloria, è ci hà mandatu u so Spiritu - u Consolatore - chì duverebbe abità in noi, guidàci in tutta a verità, dacci rigali è cunfurmassi à l'immagine di Cristu.

Quandu preghemu, u nostru scopu hè di fà Diu risponde à e nostre preghere; ma Diu ci deve cunduce à stu scopu, è ellu hè ancu u caminu nantu à quale simu cundutti à questu scopu. In altre parolle, à Diu (à u Babbu) preghemu; Diu in noi (u Spìritu Santu) hè quellu chì ci move à pregà; è Diu hè ancu a strada (u Figliolu) nantu à quale simu cundutti à quellu scopu.

U babbu principia u pianu di salvezza. U Figliolu incarna è realizeghja u pianu di riconciliazione è redenzione per l'umanità. U Spìritu Santu face nasce e benedizioni - i doni - di a salvezza, chì dopu portanu à a realizazione di i veri credenti. Tuttu què hè u travagliu di u Diu unicu, u Diu di a Bibbia.

Paulu chjude a seconda lettera à i Curinzi cù a benedizzione: "A grazia di u nostru Signore Ghjesù Cristu è l'amore di Diu è a cumunione di u Spìritu Santu sia cun voi tutti!" (2 Corintini 13:13). Paulu si cuncentra nantu à l'amore di Diu, chì ci hè attribuitu per mezu di a gràzia chì Diu dà per mezu di Ghjesù Cristu, è di l'unità è a cumunione cun Diu è trà di elli chì dà per mezu di u Spìritu Santu.

Quante "persone" ci sò in Diu?

Parechje persone anu una vaga idea di ciò chì a Bibbia dice di l'unicità di Diu. A maiò parte ùn ci pensanu prufundamente. Certi imaginanu trè esseri indipendenti; alcuni un esse cù trè capi; altri unu chì pò trasfurmassi liberamente in u Patre, u Figliolu è u Spìritu Santu. Questa hè solu una piccula selezzione da maghjine pupulare.

Parechji cercanu di riassume l'insignamentu biblicu nantu à Diu in i termini "Trinità", "Trinità" o "Trinità." Quandu sò dumandati più da vicinu ciò chì a Bibbia ne dice à propositu, tuttavia, devenu di solitu una spiegazione. In altre parolle: L'imagine biblica di parechje persone di a Trinità si trova nantu à pedi d'argilla, una ragione impurtante per a mancanza di chiarezza sta in l'usu di u termine "persona".

A parolla "persona" aduprata in a maiò parte di e definizioni tedesche di a Trinità suggerisce trè esseri. Esempii: "L'unicu Diu hè in trè persone ... chì sò l'unica natura divina ... Queste trè persone sò (reale) sfarenti trà di elli " (Rahner / Vorgrimler, IQ eines Theologisches Wörterbuch, Friburgo 1961, p. 79). In relazione à Diu, u significatu cumunu di a parolla "persona" trasmette un quadru inclinatu: vale à dì, l'impressione chì Diu hè limitatu è chì a so trinità deriva da u fattu chì si compone di trè esseri indipendenti. Ùn hè micca u casu.

U terminu tedescu "persona" vene da u latinu persona. In a lingua latina di i teologhi, a persona hè stata aduprata cum'è designazione per babbu, figliolu è Spiritu Santu, ma in un sensu diversu da a parolla tedesca "persona" oghje. U significatu basicu di a persona era "maschera". In un sensu figurativu, hà descrittu un rolu in una pezza Tandu, un attore apparve in una pezza in parechji roli, è per ogni rolu purtava una maschera specifica. Ma ancu questu termu, ancu s'ellu ùn permette micca fà nasce a falsa maghjina di trè esseri, hè sempre debule è ingannevule in relazione à Diu. Ingannevuli perchè u Babbu, u Figliolu è u Spìritu Santu sò più cà rolu in chì Diu si lampa, è perchè un attore pò ghjucà solu un rolu à a volta, mentre Diu hè sempre Babbu, Figliolu è Spiritu Santu in listessu tempu. Pò esse chì un teologu latinu hà significatu a cosa bona quandu hà adupratu a parolla persona. Ma hè improbabile chì un laicu l'averia capita bè. Ancu oghje, a parolla "persona", riferendusi à Diu, porta facilmente a persona media nantu à a pista sbagliata se ùn hè micca accumpagnata da a spiegazione chì ci vole à imaginà qualcosa cumpletamente diversu in "persona" in a divinità chè in "persona" in a divinità i sensi umani.

Qualchissia chì parla di un Diu in trè persone in a nostra lingua ùn pò veramente aiutà ma imaginà trè Diu esseri indipendenti l'unu da l'altru. In altre parolle, ùn distingue micca trà i termini "persona" è "esse". Ma ùn hè micca cusì chì Diu hè rivelatu in a Bibbia. Ci hè solu un diu, micca trè. A Bibbia rivela chì u Babbu, u Figliolu è u Spìritu Santu, travagliendu l'uni tra l'altri, devenu esse capiti cum'è un modu unicu è eternu di esse di u veru Diu di a Bibbia.

Un diu: trè ipostasi

Se vulemu sprime a verità biblica chì Diu hè "unu" è à u listessu tempu "trè", duvemu circà termini chì ùn danu micca l'impressione chì ci sò trè dii o trè dii indipindenti. A Bibbia ùn chjama nisun cumprumissu annantu à l'unicità di Diu. U prublema hè: In tutte e parolle chì si riferenu à e cose create, parti di significatu chì ponu esse ingannevuli risonanu da a lingua profana. A maiò parte di e parolle, cumprese a parolla "persona", tendenu à mette in relazione a natura di Diu cù l'ordine creatu. Per d 'altra banda, tutte e nostre parolle anu una sorta di rilazione cù l'ordine creatu. Hè dunque impurtante di precisà esattamente ciò chì vulemu dì è ciò chì ùn vulemu micca dì quandu parlemu di Diu in termini umani. Una parolla utile - una parolla-stampa chì i cristiani di lingua greca usavanu per catturà l'unità è a trinità di Diu si trova in Ebrei 1: 3. Stu passaghju hè istruttivu in parechji modi. Si dice: "Ellu [u Figliolu] hè u riflessu di a so gloria [di Diu] è a somiglianza di u so esse è porta tutte e cose cù a so parolla putente ..." Da a frase "riflessione [o emanazione] di a so gloria" pò fà parechje intuizioni deduce: U figliolu ùn hè micca un essere separatu da u babbu. U Figliolu ùn hè micca menu divinu cà u Patre. È u Figliolu hè eternu, cum'è u Babbu. In altre parolle, u figliolu si riferisce à u babbu cum'è a riflessione o a radiazione si riferisce à a gloria: senza una fonte radiante senza radiazione, senza radiazione senza fonte radiante. Eppuru duvemu distingue trà a gloria di Diu è a radiazione di quella gloria. Sò sfarenti, ma micca separati. Altrettantu istruttivu hè a frasa "somiglianza [o impronta, stampa, stampa] di u so esse". U babbu hè pienu è cumpletamente spressu in u figliolu.
Passemu avà à a parolla greca chì stà daretu à "essenza" in u testu uriginale. Hè ipostasi. Hè cumpostu da ipo = "sottu" è stasis = "stà" è hà u significatu basicu di "stà sottu à qualcosa". Ciò chì si intende da questu hè ciò chì - cumu diceremu - stà "daretu" à una cosa, per esempiu ciò chì a rende ciò chì hè. Ipostasi puderia esse definita cum'è "qualcosa senza chì un altru ùn pò esse". Puderia esse qualificata di "ragione di esse", "ragione di esse".

Diu hè persunale

"Ipostasi" (Plurale: "ipostasi") hè una bona parolla per indicà u Patre, u Figliolu è u Spìritu Santu. Hè un termine biblicu è assicura una separazione concettuale più acuta trà Diu a natura è l'ordine creatu. In ogni casu, "Persone" hè ancu adattatu, sottu quale esigenza (indispensabile) chì a parolla ùn sia capita in u sensu umanu-persunale.

Una di e ragioni per chì "persona" - capita currettamente - hè ancu adatta hè chì Diu si riferisce à noi in modu persunale. Dunque seria sbagliatu di dì chì hè impersonale. Ùn aduremu micca e petre nè e piante, mancu una putenza impersonale "daretu à u cosimu", ma una "persona viva". Diu hè persunale, ma micca una persona in u sensu chì noi "simu persone. "Perchè sò Diu è micca un omu è sò u santu trà voi" (Osea 11: 9). Diu hè u creatore - è micca parte di ciò chì hè creatu. E persone anu un principiu in a vita, anu un corpu, crescenu, sò individualmente diversi, invecchianu è infine morenu. Diu hè sopratuttu di tuttu què, è ancu ellu hè persunale in i so raporti cù a ghjente.

Diu va infinitamente al di là di tuttu ciò chì a lingua pò ripruduce; eppuru hè persunale è ci ama assai. Hà svilatu assai di sè stessu, ma ùn piatta micca tuttu ciò chì va al di là di i limiti di a cunniscenza umana. Cum'è esseri finiti, ùn pudemu micca capisce l'infinitu. Pudemu cunnosce Diu in u quadru di a so rivelazione, ma ùn lu pudemu micca cunnosce cumpletamente perchè simu finiti è ellu hè infinitu. Ciò chì Diu ci hà rivelatu di sè stessu hè reale. Hè vera. Hè impurtante.

Diu ci chjama: "Ma cresce in a grazia è a cunniscenza di u nostru Signore è Salvatore Ghjesù Cristu" (2 Petru 3:18) Ghjesù hà dettu: "Ma questu hè a vita eterna chì vi cunnoscenu, quale sì u solu veru Diu è chì avete mandatu, Ghjesù Cristu" (Ghjuvanni 17:3). Più sapemu à Diu, più chjaru diventa per noi quantu simu chjuchi è quantu hè grande.

6. A relazione di l'umanità à Diu

Cum'è un'introduzione à stu librettu, avemu pruvatu à formulà dumande basiche chì l'omu pò forse dumandà à Diu - dignità. Chì ci dumandariamu sì eramu liberi di pone una tale dumanda? A nostra dumanda à palesu "Quale sì?" u creatore è u guvernatore di u cosimu risponde cù: "Seraghju quellu chì seraghju" (Esodu 2:3) o "Sò quellu chì sò" (Quantità trad.). Diu si spiega à noi stessu in a creazione (Salmu 19: 2). Dapoi u tempu chì ci hà fattu, hà agitu cun è per noi umani. A volte cum'è u tronu è u lampu, cum'è a timpesta, cum'è u terramotu è u focu, à volte cum'è "un silenziu tranquillu è dolce" (Esodu 2:20; 18 Re 1: 19-11). Ride ancu (Salmu 2: 4). In u registru biblicu, Diu parla di sè stessu è descrive a so impressione nantu à e persone chì hà scontru direttamente. Diu si rivela per mezu di Ghjesù Cristu è per mezu di u Spìritu Santu.

Avà ùn vulemu micca solu sapè quale hè Diu. Vulemu ancu sapè per chì ci hà creatu. Vulemu sapè quale hè u so pianu per noi. Vulemu sapè chì futuru ci hè in riserva. Chì hè a nostra relazione cù Diu? Chì "duverebbe" avè? E quale averemu in l'avvene? Diu ci hà fattu à a so maghjina (Ghjenesi 1: 1-26). È per u nostru avvene, a Bibbia rivela - certe volte assai chjaramente - cose assai più alte di noi chì avà, cum'è esseri limitati, sunniamu.

Induve simu avà

Ebrei 2: 6-11 ci dice chì simu attualmente un pocu "più bassi" di l'angeli. Ma Diu "ci hà incurunatu di lode è d'onore" è hà sottumessu tutta a creazione à noi. Per l'avvene "ùn hà micca eccettu nunda chì ùn hè micca sottumessu à ellu. Ma ùn vedemu ancu chì tuttu li sia sottumessu". Diu hà preparatu per noi un futuru eternu è gluriosu. Ma ci hè sempre qualcosa in strada. Simu in un statu di culpabilità, i nostri peccati ci anu cacciatu da Diu (Isaia 59: 1-2). U peccatu hà erettu un ostaculu insurmontabile trà Diu è noi, una barriera chì ùn pudemu micca superà da soli.

In principiu, tuttavia, a pausa hè dighjà guarita. Ghjesù hà tastatu a morte per noi (Ebrei 2:9). Hà pagatu a pena di morte fatta da i nostri peccati per cunduce "parechji figlioli à a gloria". (Verse 10). Sicondu Revelazione 21: 7, Diu vole chì simu in una relazione babbu-figliolu cun ellu. Perchè ci ama è hà fattu tuttu per noi - è cum'è l'autore di a nostra salvezza, face sempre - Ghjesù ùn si vergogna di chjamacci ritratti (Ebrei 2: 10-11).

Ciò chì ci hè dumandatu avà

Atti 2: 38 ci chjama à pente di i nostri peccati è à esse battezi, figurativamente intarrati. Diu dà u Spìritu Santu à quelli chì credenu chì Ghjesù Cristu hè u so Salvatore, Signore è Rè (Galatini 3: 2-5). Quandu ci pentimu - avendu alluntanatu i modi egoisti, peccatori mundani chì aviamu camminatu - entremu in una nova relazione cun ellu in fede. Simu nati di novu (Ghjuvanni 3: 3), una nova vita in Cristu ci hè data per mezu di u Spìritu Santu, trasfurmata da u Spìritu per grazia è misericordia di Diu è per u travagliu redentore di Cristu. È dopu? Dopu crescemu "in a gràzia è a cunniscenza di u nostru Signore è Salvatore Ghjesù Cristu" (2 Petru 3:18) finu à a fine di a vita. Simu destinati à participà à a prima risurrezzione, è dopu saremu "sempre cun u Signore" (1 Tesalonicani 4: 13-17).

A nostra lascita smisurata

Diu hà "rinascitu di novu ... à una speranza viva per mezu di a risurrezzione di Ghjesù Cristu da i morti, à una eredità imperishable è immaculata è imperishable", una eredità chì "da u putere di Diu ... serà rivelata l'ultimi ghjorni " (1 Petru 1: 3-5) In a risurrezzione diventemu immurtali (1 Curinzî 15:54) è uttene un "corpu spirituale" (Verse 44). "È cum'è avemu avutu a maghjina di a terra [omu-Adamu]", dice u versu 49, "cusì duveremu ancu noi a maghjina di u celu". Cum'è "figlioli di a risurrezzione" ùn simu più sottumessi à a morte (Luca 20:36).

Qualcosa puderia esse più gloriosu di ciò chì a Bibbia dice di Diu è di a nostra futura relazione cun ellu? Saremu "cum'è ellu [Ghjesù]; perchè u videremu cum'è ellu" (1 Ghjuvanni 3:2). Revelazione 21: 3 prumesse per l'epica di u celu novu è di a nova terra: "Eccu, a tenda di Diu cù u pòpulu! È hà da stà cun elli, è saranu u so pòpulu, è ellu stessu, Diu cun elli, serà u so diu ... "

Diventemu unu cun Diu - in santità, amore, perfezzione, ghjustizia è spiritu. Cum'è i so figlioli immurtali, formeremu a famiglia più piena di Diu. Sparteremu cun ellu una cumunione perfetta in gioia eterna. Chì grande è ispiratore
Diu hà preparatu un missaghju di speranza è di salvezza eterna per tutti quelli chì u credenu!

Brochure di u WKG